Le ultime notizie

Come leggere le etichette

Articolo  0 Commenti
Interlinea+- ADimensione Carattere+- Stampa questo articolo
Come leggere le etichette
Ti può interessare anche:

L’ordine degli ingredienti presenti nell’etichetta consente una selezione qualitativa dei prodotti perché non è mai a caso; le espressioni corrette e quelle fuorvianti.

Quando leggiamo un’etichetta dobbiamo stare attenti a diversi fattori, in particolare: l’ordine con cui gli ingredienti sono esposti, i grassi contenuti, gli aromi, gli ingredienti che ci possono sembrare estranei alla tipologia del prodotto, gli additivi. L’etichetta fa il cliente, nel senso che grazie alla scelta di leggere e alla capacità di capire un’etichetta cresce la consapevolezza e la scelta nel consumo. Uno slogan non assoluto, ma comunque signifi cativo è: “leggi l’etichetta, se c’è una parola che non capisci, non comprare”. Ma cos’è l’etichetta? Dove sta? C’è sempre e, soprattutto, ci deve essere sempre? I prodotti confezionati dovrebbero averla sempre, e non dovrebbe essere né nascosta né scritta in caratteri troppo piccoli. Per i prodotti sfusi (pasticceria, gelateria ecc), purtroppo è possibile esporre un elenco generico fornito dalle associazioni di categoria, per cui, per sapere cosa c’è effettivamente in quello che compriamo, dobbiamo chiedere: per fortuna, ci dicono pressoché sempre la verità o (la maggior parte) per onestà o per paura delle conseguenze di possibili allergie. Non dobbiamo avere scrupoli a chiedere a chi affetta i salumi o taglia i formaggi di leggerci gli ingredienti dei primi e l’eventuale presenza di trattamenti in crosta dei secondi.

In allegato tutte le schede per leggere correttamente le etichette

Scarica il documento allegato

Tags: ingredienti , etichette , additivi

Articolo  0 Commenti

Articoli

L’IPSEOA Varnelli di Cingoli vince a Tipicità

L’IPSEOA Varnelli di Cingoli vince a Tipicità 0

La classe 4^CC dell’alberghiero di Cingoli, capitanata dai prof.ri Marcello Stefano, Rosanna Foltrani, Paola Ippoliti e per la traduzione in inglese dalla prof.ssa Anna Laura Tobaldi, è risultata vincitrice assoluta tra tutti gli istituti alberghieri delle Marche, al concorso la Biodiversità in cucina, promosso dall’ASSAM e dalla Regione Marche. I ragazzi si sono sfidati durante la manifestazione TIPICITA’ a Fermo…