Le ultime notizie

Il lattoinnesto: la vera origine del cacio

Articolo  0 Commenti
Interlinea+- ADimensione Carattere+- Stampa questo articolo
Il lattoinnesto: la vera origine del cacio
Ti può interessare anche:

L'ingrediente base dei formaggi è il latte, non c'è dubbio, ma da dove viene? Ed è fresco? E da dove vengono i fermenti che, insieme al casaro, lo lavorano? l'etichetta ce lo dice?

"Gli alimenti o i mangimi che sono immessi sul mercato della Comunità o che probabilmente lo saranno devono essere adeguatamente etichettati o identificati per agevolarne la rintracciabilità, mediante documentazione o infromazioni paertinenti..." così recita il punto 4 dell'articolo 18 della Direttiva UE 178 del 2002. Ebbene, dodici anni dopo per molti alimenti è pura fantasia e lo è soprattutto per un cibo fondamentale, il formaggio. La Comunità Europea, guarda un po', se n'è accorta nel 2011 e così ha scritto nelle considerazioni preliminari del regolamento CEE sull'etichettatura: " ... Occorre esaminare la possibilità di estendere ad altri alimenti l'etichettatura di origine obbligatoria. Pertanto è opportuno chiedere alla Commissione di preparare relazioni sui seguenti alimenti: (omissis) il/atte; il latte usato quale ingrediente di prodotti lattierocaseari". E sono passati già tre anni. Poi negli articoli veri e propri del Regolamento ecco cosa, purtroppo, leggiamo: " .... Per i seguenti alimenti non è richiesto un elenco degli ingredienti: (omissis) d) i formaggt il burro, il/atte ele creme di latte fermentati, purché non siano stati aggiunti ingredienti diversi dai prodotti derivati da/latte, gli enzimi alimentari e le colture di microrganismi necessari alla fabbricazione o ingredienti diversi dal sale necessario alla fabbricazione di formaggi che non siano freschi o fusi ... " Poi, però, finalmente troviamo: " ... Entro il13 dicembre 2014, la Commissione presenta al Parlamento europeo e al Consiglio relazioni sull'indicazione obbligatoria del paese d'origine o de/luogo di provenienza per i seguenti alimenti: (omissis) b) il/atte; c) il/atte usato quale ingrediente di prodotti lattiero-caseari ... " Ma non cita i fermenti lattei. Né il caglio.

Leggi l'articolo completo su Sapori d'Italia n. 43, settembre/ottobre 2014 che trovi nelle principali edicole in italia.

Per ricevere la rivista con continuità clicca qui per abbonarti!

 

Tags: tracciabilità , latticini , ingredienti , caglio , accademia delle 5t

Articolo  0 Commenti

Facciamo il punto

La qualità che arriva dal freddo

La qualità che arriva dal freddo 0

Una tenuta dalla storia secolare, immersa tra le verdi colline trevigiane nell’area di produzione della DOCG Conegliano Valdobbiadene, recentemente convertita al biologico, utilizza da quest’anno un’interessante tecnologia che mira all’eccellenza qualitativa dei vini aziendali: la vendemmia a temperatura controllata.Adagiata sulle verdi colline di Rolle di Cison di Valmarino (TV) nel cuore della zona di produzione del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore…