Le ultime notizie

Dona forza all’accademia

Articolo  0 Commenti
Interlinea+- ADimensione Carattere+- Stampa questo articolo

Privato

Dai forza all'Accademia delle 5T

Se condividi lo spirito e l’impegno dell’Associazione puoi diventare sostenitore.
Decidi tu quanto, quando e come dare il tuo contributo personale.
Scegli tu come trasformare questo tuo gesto solidale in concreta adesione ad uno dei tanti i progetti che desideriamo poter realizzare e diffondere.
Eccome alcuni:

  1. Merenda o Merendine (diffusione dei roll-up esplicativi nelle scuole di primo grado)
  2. Come leggere le etichette (diffusione dei DVD nelle scuole di secondo grado)
  3. Giornata Nazionale del Miele (stampa e diffusione del volumetto che spiega gli abbinamenti e il migliore utilizzo di 125 tipi diversi di miele italiano)
  4. Campionato Italiano del Salame Naturale (diffusione nelle scuole secondarie di un video didattico in 14 mini lezioni su come si fanno i salumi naturali)
  5. Guida ai Salumi Naturali d’Italia (diffusione nelle scuole secondarie di un volume dedicato alla valorizzazione dei salumi naturali d’Italia).

Azienda / Ente / Istituzione

Dai forza all’A5T! Adotta un PAT

I PAT (prodotti agroalimentari tradizionali) sono quasi 4800, sono il nostro patrimonio di prodotti tradizionali, una raccolta unica al mondo per quantità e biodiversità, molti sono assolutamente sconosciuti, altri dopo la loro individuazione sono lasciati alla buona volontà di pochi appassionati, perché non diventare il loro sostegno, con 1000,00 euro la nostra Associazione A5T s’impegna a creare un articolo specifico con tutti i dati e la storia di quel PAT, fa la ricerca iconografica e testuale, con i nomi dei produttori e il loro indirizzo, diffonde il tutto tramite il portale e tramite il giornale.

Dai forza all’A5T! Adotta una Scuola

Le Scuole Alberghiere IPSAAR o IPPSART non dispongono di fondi per aggiornare le loro biblioteche, perché non dare sostegno abbonando 10 loro professori (nome e cognome) con la rivista cartacea e una versione digitale in modo che possano utilizzare articoli delle stessa rivista come testo didattico. Con 250 euro l’anno riusciamo a fare tutto ciò!