Le ultime notizie

Strozzapreti con salvia di prato e menta

Articolo  0 Commenti
Interlinea+- ADimensione Carattere+- Stampa questo articolo
Strozzapreti con salvia di prato e menta
Ti può interessare anche:
Autore: Enrico Stecchi
Ristorante: Antica Trattoria Prassede
Ingredienti principali: erbe spontanee miste

Ingredienti per 6 persone

  • 1 kg di erbe spontanee miste a scelta (buonenrico, silene, ajucche, ortica...)
  • 250 g di pane raffermo 
  • 100 g di salvia pratense 
  • 4 cucchiai di farina “00” 
  • 2 uova
  • latte fresco intero 
  • pangrattato
  • 3 foglioline di menta 
  • formaggio grana grattugiato 
  • burro
  • cannella 
  • noce moscata 
  • sale e pepe

Preparazione
Facciamo appassire le erbe lavate e non sgrondate in una pentola coperta, scoliamole, strizziamole. Inzuppiamo il pane nel latte. Passiamo nel tritacarne il pane ammollato nel latte e le erbe. Uniamo a questo impasto le uova, due cucchiai di formaggio grattugiato, la farina, noce moscata, sale, pepe e aggiustiamo la consistenza con il pangrattato. L’impasto deve risultare morbido ma non liquido. Portiamo a bollore abbondante acqua salata e facciamo cadere l’impasto a tocchetti aiutandoci con una sac-àpoche senza beccuccio. Gli gnocchi saranno cotti quando verranno a galla: raccogliamoli con un mestolo forato. Condiamoli con burro, cannella in polvere e formaggio grattugiato.

Il nome, strozzapreti o strangolapreti, è diffuso in molte regioni italiane e sta a indicare primi piatti che sfamano tanto costando poco e non lasciando poi spazio a un’altra portata, di solito a quella di carne (la più costosa). Il riferimento al prete risale a tempi e a luoghi in cui una certa invadenza abbinata a timore o rispetto, obbligava a ospitarlo “togliendosi il pane di bocca”.

Gli gnocchi a base di pane raffermo e verdure in foglia sono una delle versioni più diffuse, soprattutto in Trentino e Friuli, di strozzapreti. In primavera si usano, come in questo caso, le erbe di campo; durante il resto dell’anno soprattutto spinaci o bietole. Il condimento con burro e cannella è tradizionale nelle famiglie della montagna triveneta.

Ricetta del cuoco di redazione Enrico Stecchi 

Ricetta pubblicata su Sapori d'Italia 42, Luglio/Agosto 2014

Articolo  0 Commenti

Altre ricette

Alici salate di Diamante

Alici salate di Diamante 0

Ingredienti per 4 persone Alici Peperoncino rosso a scaglie SaleProcedimento: Puliamo e laviamo bene le alici, dopo averle private delle interiora e della testa. Disponiamole a strati (uno di alici e uno di sale e peperoncino) in un vaso cilindrico di terracotta. Copriamo con un ultimo e abbondante strato di sale e peperoncino e poniamovi sopra un disco di legno pressato da un peso. Lasciamo riposare per almeno tre mesi, avendo cura di controllare di tanto in tanto che le alici rimangano sempre completamente coperte dalla salamoia.  Ricetta pubblicata su Sapori d'Italia 39/40, Gennaio/Aprile 2014