Le ultime notizie

Zabaione di uova mochene con torta di rose alla marmellata di clementine

Articolo  0 Commenti
Interlinea+- ADimensione Carattere+- Stampa questo articolo
Zabaione di uova mochene con torta di rose alla marmellata di clementine
Ti può interessare anche:
Portata: Dolci
Autore: Luca Zangoni
Regione: Calabria, Trentino Alto Adige
Ristorante: Ristorante Castel Pergine
Ingredienti principali: Zabaione, marmellata di clementine, uova

Per lo zabaione

Ingredienti

  • 6 tuorli d’uovo freschissimi
  • 6 ½ gusci di zucchero
  • 6 ½ gusci di vino moscato bianco
  • 1 pizzico di sale

Procedimento

Cominciamo a montare a bagnomaria i tuorli con lo zucchero e, quando sono spumosi, aggiungiamo il vino. Continuiamo a sbattere fino ad avere una buona consistenza, poi, continuando a frustare, raffreddiamolo immergendo il contenitore in acqua fredda.

Per la torta di rose

Ingredienti

  • 300 g di farina tipo “00”
  • 3 tuorli d’uovo
  • 3 cucchiai di olio extra vergine
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna
  • 25 g di lievito di birra
  • 1 pizzico di sale
  • la buccia grattugiata di 1 limone
  • 1 bicchiere di latte fresco intero

Procedimento

Impastiamo tutti gli ingredienti con il latte tiepido, lavoriamo la pasta per 15 minuti circa. Lasciamola lievitare. Stendiamola allo spessore di ½ cm circa. Spalmiamola con la marmellata di clementine. Arrotoliamola a spirale e tagliamola a pezzi di 5 cm circa. Disponiamo i pezzi in piedi in una teglia con carta forno lasciando tra un pezzo e l’altro lo spazio per la lievitazione. Lievitiamo fino a raddoppiare in volume. Cuociamo in forno a 160°/170° C da 25 a 30 minuti.
Serviamo con lo zabaione decorando con zucchero a velo e petali di fiori.

Articolo  0 Commenti

Altre ricette

Pasta e zucca

Pasta e zucca 0

"La zucca lunga napoletana, chiamata a Napoli “ cucozza zuccarina “, è uno dei tanti prodotti agroalimentari di nicchia inserito dal Ministero delle politiche agricole, nell’elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali. L’utilizzo più diffuso di questo ortaggio, nella cucina partenopea, è in abbinamento con la pasta. Matilde Serao, nel Ventre di Napoli “ parla di una minestra di zucca gialla consumata nei bassi di Napoli; il touring club, nella guida gastronomica d’Italia, del 1931, cita, tra i piatti tipici della Campania, una ricetta di zucca rossa e pasta, cotta con olio fino alla consistenza di una salsa, che si aggiunge ai maccheroni. La tradizione prevede l’uso dei tubettoni come pasta." Leggi la ricetta sul Blog di Roberto