Le ultime notizie

Delizia di cioccolato e liquirizia (Amarelli Sas)

Articolo  0 Commenti
Interlinea+- ADimensione Carattere+- Stampa questo articolo
Delizia di cioccolato e liquirizia
Ti può interessare anche:
Categoria:
Tipologia:
Azienda: Amarelli Sas - www.amarelli.it

Nome commerciale: Delizia di cioccolato e liquirizia
Scheda tecnica: scarica il documento

La celebre liquirizia calabrese della storica azienda Amarelli di Rossano impreziosisce i più nobili Cru di cacao dell’Ecuador

La Glycyrrhiza glabra (letteralmente “radice dolce”), ovvero la pianta della liquirizia, è conosciuta ed impiegata da circa 35 secoli: se ne fa menzione in antichi testi cinesi e nella tradizione ippocratea. è unanimamente riconosciuto che solo quella calabrese è liquirizia pura di qualità (persino secondo l’Enciclopedia  Britannica!): lo dimostrano anche numerose ricerche scientifiche. Le piante di liquirizia nascono spontanee lungo il litorale, soprattutto ai margini della Piana di Sibari, dove le caratteristiche pedoclimatiche accrescono il contenuto di glycyrrhizina, il glucoside che rende così particolare l’estratto di liquirizia. La storia della sua trasformazione è molto antica ed è legata al sistema del latifondo e del feudalesimo calabrese. Le lunghissime radici della Glycyrrhiza, infatti, arricchivano sì il terreno di azoto, ma dovevano essere estirpate per procedere a qualsiasi altra coltura. La loro raccolta consentiva di sfruttare il terreno nell’anno di riposo della rotazione, dando lavoro ai contadini e ai braccianti stagionali. Già nel 1500, quindi, iniziò l’attività di estrazione del succo di liquirizia: a questa attività si dedicò anche la famiglia dei Baroni Amarelli, che nel 1731, per valorizzare al massimo l’impiego di questo prodotto tipico, diede vita a un impianto proto-industriale, detto “concio”, per trasformare in succo le radici di questa benefica pianta. Nacquero così le liquirizie, nere, brillanti e soprattutto naturali. Dopo tre secoli la famiglia Amarelli produce ancora liquirizia pura e gommosa, confetti e sassolini alla liquirizia, birra, grappa, liquore e cioccolato, tutto alla liquirizia. Il cacao utilizzato per le “Delizie al cioccolato e liquirizia” Amarelli proviene dall’Ecuador, da varietà particolarmente pregiate come Arriba Superior Selecto e Criollo, piante a rischio di estinzione che nascono spontanee intorno delle abitazioni dei campesinos nella zona sub-tropicale della Provincia di Bolivar. Amarelli importa la pasta di cacao anzichè le fave: in questo modo un piccolo guadagno resta all’interno della comunità dei produttori in Ecuador. La pasta di cacao viene lavorata nel laboratorio artigianale di None: una filiera integrale, quindi, che rende il prodotto perfettamente tracciabile e di qualità garantita. Il ciclo di lavorazione esalta il pregiato cacao conservandone le caratteristiche organolettiche e aromatiche. Per raccontare la propria storia davvero unica, la famiglia ha aperto, nell’antico palazzo sede dell’azienda, il Museo della Liquirizia “Giorgio Amarelli”: visitandolo si può scoprire, tra oggetti del passato ed etichette d’epoca, un’esperienza secolare di vita, di lavoro, di tradizioni.

Un’azienda dalla storia...   biblica!
L’azienda Amarelli fa parte degli Henokiens: Lo strano nome è già molto significativo: Henoch era nientepopodimeno che il padre di Matusalemme. E infatti sono ammesse all’esclusivissimo club con questo nome - nato nel 1981 - quelle aziende (rigorosamente con il bilancio in attivo) che operano da almeno 200 anni e sono sempre state di proprietà della stessa famiglia.

Scheda tecnica    

  • Nome: Delizia di cioccolato e liquirizia
  • Ingredienti: 32% min. di cacao, zucchero di canna, burro di cacao, latte intero in polvere, pasta di nocciole, pasta di cacao, liquirizia in polvere (2,5%), vaniglia naturale. Emulsionante: lecitina di soia.
  • Confezioni: barrette da 30 g
  • Prezzo (indicativo): 3,00 la barretta da 30 g

Amarelli Sas 
Contrada Amarelli - SS 106 
87067 Rossano (CS) 
Tel. 0983 511219 - Fax 0983 510512
www.amarelli.it - amarelli@amarelli.it

Articolo  0 Commenti