Le ultime notizie

Lo spiedo di Rosy e Lorena - Trattoria Castello (Trattoria Castello)

Articolo  0 Commenti
Interlinea+- ADimensione Carattere+- Stampa questo articolo
Lo spiedo di Rosy e Lorena - Trattoria Castello
Ti può interessare anche:
Categoria:
Tipologia:
Azienda: Trattoria Castello - www.trattoriacastello.eu

Nome commerciale: Lo spiedo di Rosy e Lorena
Scheda tecnica: scarica il documento

Il ristorante Castello di Serle (BS) è famoso per la zuppa di funghi, il salame, la grande conoscenza dei vini del patron Emilio Zanola, la cucina “di casa” di sua moglie e sua mamma, ma soprattutto è il numero uno del più rituale piatto bresciano.

di Maria Cristina Beretta

Lo spiedo, si sa, è una forma molto antica di cottura. Basta infilzare qualcosa di commestibile su un’asticella appuntita e avvicinarla al fuoco. Sembrerebbe semplice ma non lo è affatto, il rischio di bruciare l’alimento o di cuocerlo male è palese. Come per tutto ciò che concerne la cucina, anche lo spiedo è un’arte. Lo sanno bene i nostri antenati che per secoli hanno usato questo sistema per cuocere le carni e hanno capito che richiedeva regole ferree: spennellare la carne con grasso, per evitare che bruciasse e si seccasse, e girare di continuo l’asta sul fuoco per avere una cottura uniforme, il che significava starsene lì, vicino al focolare, per lungo tempo. 
L’idea di meccanizzare il processo fu affrontata persino da Leonardo da Vinci, il quale, con un sistema di contrappesi e carrucole, riuscì nell’intento. Oggigiorno l’energia meccanica utilizzata da Leonardo è stata sostituita dall’ energia elettrica, la quale fa muovere gli spiedi posizionati attorno a un tamburo ruotante racchiuso in una specie di scatola gigante di acciaio, appoggiata su 4 piedi e dotata di uno sportello da un lato e di una griglia in alto  (leccarda). Gli spiedi ruotano in senso circolare e contemporaneamente su se stessi, un po’ come il movimento dei pianeti nell’universo. Lungo un bordo del contenitore c’è una canalina dove mettere la brace. A Serle e dintorni, in Val Sabbia, a una quindicina di chilometri da Brescia, l’arte dello spiedo è talmente radicata da potersi considerare nel Dna dei suoi abitanti. Emilio Zanola, la moglie Lorena e la mamma di lui, Rosy, nel loro ristorante Castello, in località Castello a circa 650 metri di altitudine, ne hanno fatto un punto d’orgoglio del locale e lo propongono secondo la tradizione, tradotta in linee guida nel disciplinare di Denominazione comunale (De.co), approvato nel 2010.
La trattoria è nata a fine 1800 da Angelo Zanola, bisnonno di Emilio. La struttura attuale è composta da una parte più antica con pareti di pietra e che ospita anche la cantina e da una parte più moderna, dalle linee essenziali. Emilio è, tra l’altro, sommelier di lunga data. Ha una vera passione per i vini che l’ha portato alla presidenza Ais (Associazione italiana sommeliers) della provincia di Brescia per 15 anni. La sua “carta” elenca circa 500 etichette di cui un centinaio sono della provincia, comprese le nuove realtà che meritano di essere valorizzate.
La cucina si snoda su tre postazioni, una delle quali è fornita di un bel camino in cui scoppietta per quasi tutto l’anno un focherello da cui si ricavano le braci per lo spiedo. Già, perché Emilio e Lorena si sono inventati anche lo spiedo estivo, con altri tipi di carni, rispetto al classico invernale, e con la polenta di mais bianco, al posto del giallo e l’olio al posto del burro, prendendosi una lavata di capo da mamma Rosy, la quale li ha apostrofati quali eretici. Eppure la clientela è soddisfattissima di questa versione che ha allungato la stagione della ricetta della tradizione, quella che Lorena ha imparato da Rosy la quale, a sua volta, l’aveva imparata dalla suocera. Per farla breve, la cucina è sempre stata regno delle donne. Lorena ha una mano delicata nel proporre ricette comunque saporite nello stile della montagna. I funghi sono un appuntamento fisso, merito di una attività in passato che ha portato i Zanola a scambiare i prodotti locali con quelli di alcuni Paesi della ex Jugoslavia, da cui arrivano anche lumache vive, cucinate poi al Castello con erbe profumate. Nelle varie interpretazioni dei funghi, i finferli saltati con uova e tartufo, che riprendono un’antica ricetta di Serle, meritano il viaggio. I salumi sono di produzione propria. L’impostazione del menu è soprattutto su prodotti di stagione e su carni e le ricette sono comunque legate al territorio e alla tradizione. Il successo del locale è ampiamente giustificato da una grande materia prima curata da una grande cuoca. 
A Lorena va il plauso di un’attenzione ammirabile ai particolari per l’ottima riuscita delle ricette, lo sanno bene le sue collaboratrici ultra settentenni Maria e Umberta, già collaboratrici di Rosy, che le danno una mano ma che preferiscono evitare di prendersi la responsabilità delle preparazioni. L’altro valido aiutante è Saverio, anche lui con i capelli bianchi e che si fa vedere solo al tempo dello spiedo, quella sì che è roba da uomini. 

Lo spiedo: mai da solo
In tavola con amici e in cucina, con un amabile guardiano, lo spiedo vuole compagnia. Va programmato per tempo: per questo viene fatto solo su prenotazione. La sua preparazione è lunga, dura circa sei ore. Si inizia con il taglio delle carni: coniglio, pollo e maiale (lombo e costine) che devono essere in pezzi delle stesse dimensioni. Lorena al posto del lombo sceglie la coppa di maiale, la taglia a fette, al centro di ciascuna di esse mette i ritagli della stessa coppa, che rendono il tutto più morbido, e poi l’arrotola. 
E gli uccellini? In origine lo spiedo era fatto solo di uccellini cacciati. Gli uccellini dovevano essere “a becco fino”, ossia appartenere a quel gruppo che si alimenta di insetti. Oggi sono protetti e la legge dà la possibilità di cucinare solo uccelli cacciati al di fuori del territorio nazionale, spesso si tratta di passeri, che sono granivori, e quindi con gusto diverso. Gli uccellini, essendo molto piccoli, non sopporterebbero il calore e i lunghi tempi dello spiedo, devono essere cucinati in una padella con burro ed erbe aromatiche. 
La polenta accompagna d’obbligo il piatto, dovrebbe essere preparata da tre macinature diverse di farina di mais. Il sugo è sostanzialmente burro fuso dello spiedo e della cottura degli uccellini. 
Nel menu riservato allo spiedo, per conciliare lo stomaco, è prevista la “minestra sporca”: si parte da un soffritto di verdure, fegatini e stomaci di pollo e si continua la cottura nel brodo. Al Castello viene servita anche una deliziosa zuppa di funghi. 
Il vino ideale per accompagnare il piatto sarebbe il Botticino, vino del territorio che nasce dall’unione dei vitigni Barbera, Sangiovese, Marzemino e Schiava gentile: proprio per la presenza della Barbera, nota per una certa acidità, pulisce bene la bocca. 
Lo spiedo andrebbe preparato per almeno dieci persone. Chi si può permettere una casa in campagna con camino e spiedo, rischia, per una decina di persone, di spendere finanche 200 euro, tra carne e carbone, senza contare la mano d’opera e i vini. Forse è il caso di mettere le gambe sotto il tavolo di un ristorante che lo sappia fare. La ricetta del Castello è per 20 persone.

Trattoria Castello

Via Castello 38, 25080 Serle (BS)

Tel.030.69.10.001 
www.trattoriacastello.eu - Chiuso il martedì.

Pubblicato su Sapori d’Italia 32/33, Novembre 2012/ Febbraio 2013

Articolo  0 Commenti