Le ultime notizie

Olio Olivastra Seggianese Franci (FRANTOIO FRANCI)

Articolo  0 Commenti
Interlinea+- ADimensione Carattere+- Stampa questo articolo
Olio Olivastra Seggianese Franci
Ti può interessare anche:
Categoria:
Tipologia:
Azienda: FRANTOIO FRANCI - www.frantoiofranci.it

Nome commerciale: Olio Olivastra Seggianese Franci
Scheda tecnica: scarica il documento

Un ulivo che sta più in alto degli altri sulle pendici del magico Amiata, un frantoiano che ha vinto tutti i premi possibili: l’incontro di due grandi personalità in una bottiglia alta e snella

Dalle terrazze di Montenero d’Orcia guardano le colline di Montalcino senza alcuna deferenza, anzi con un certo senso di superiorità: eppure si vedono benissimo Poggio alle Mura, Argiano, S.Angelo in Colle e tanti altri dossi mitici per i cultori del vino. Eppure l’Orcia che sta in mezzo a segnare il confine tra le province di Siena e Grosseto è come il Rio Grande tra Texas e Messico, non un semplice confine bensì l’invalicabile muro tra un mito e una semplice terra di contadini e montanari. Ma mentre i peones messicani cercano di valicare il Rio Grande, ad attraversar l’Orcia non sono i contadini di Montenero, bensì gli aristocratici vignaioli di Montalcino che vengono verso il Monte Amiata con le loro olive perché qui c’è un frantoiano molto bravo, anzi, in barba alla lingua italiana, “molto bravissimo”. Non sono pochi gli autentici vip del Brunello che rinunciano a fregiarsi della prestigiosa DOP Terre di Siena (che impone che sia le olive sia il frantoio siano nella provincia) pur di far estrarre il loro olio a Montenero da Giorgio Franci. Quando la generosità della natura si accompagna all’atavica maestria dell’uomo, ecco che nascono autentiche delizie per il naso e per il palato come gli oli extravergini della Val d’Orcia e di altre vallate che scendono dal Monte Amiata. Quello di Giorgio Franci è diventato famoso trionfando in alcuni dei più prestigiosi concorsi ed è sulle tavole stellate d’Italia e del mondo: la protagonista principale, pur se altre varietà spesso l’accompagnano, è un’olivetta piccina piccina e pure raggrinzita e bruttarella, l’olivastra (persino il nome sa di spregiativo) seggianese. Cresce su alberi canuti e generosi, alcuni dei quali protagonisti di opere d’arte in quell’affascinante ma inquietante sito, visitato da turisti di tutto il mondo, che è il non distante giardino di Daniel Spoerri (disseminato, tra prati, boschi e appunto oliveti, di stravaganti, misteriose, angoscianti, ma sempre geniali creazioni del grande artista svizzerorumeno). L’olio da Olivastra seggianese, pur se nella gamma di Franci è ritenuto il “fruttato leggero”, non ci sembra che questa sia una definizione azzeccata. Gli oli di Giorgio, infatti, sono perlopiù caratterizzati dal fruttato intenso, fresco ed erbaceo, di corposità media, con gusto rotondo piuttosto astringente e pungente, molto sapido, dal fondo spiccatamente amaro e piccante. Tutto l’anno li possiamo degustare nell’”Oil-Wine Bar” del frantoio Franci, che sta proprio su queste terrazze che guardano Montalcino.

SCHEDA TECNICA

  • Nome: Olio extravergine d’oliva Olivastra seggianese
  • Varietà: Olivastra seggianese
  • Origine: Montenero, Montegiovi e Seggiano
  • Raccolta: brucatura a mano
  • Metodi di estrazione: ciclo continuo a tre fasi
  • Profumo: fruttato complesso e variegato di diverse erbe appena tagliate, è evidente il carciofo come i richiami di salvia, menta e rosmarino.
  • Sapore: al gusto è caratterizzato da morbide e tonde note di lattuga e mandorla dolce. In chiusura presenta una spiccata sensazione di amaro e un forte ed equilibrato piccante.
  • Abbinamenti: è un eccellente condimento per ogni tipo d’insalate, su funghi porcini, verdure cotte a fondo dolce, legumi al vapore, zuppe di verdure e farro, bruschette, cacciucco alla livornese, carni rosse alla griglia e formaggi freschi.
  • Distribuzione: nelle enoteche e nelle gastronomie di tutta Italia

FRANTOIO FRANCI
Via A. Grandi, 5 58040 Montenero d’Orcia (GR)
tel 0564 954000 fax 954154
info@frantoiofranci.it www.frantoiofranci.it

Articolo  0 Commenti