Le ultime notizie

Salsa della Vendemmia (AZ. AGR. IL MONGETTO)

Articolo  0 Commenti
Interlinea+- ADimensione Carattere+- Stampa questo articolo
Salsa della Vendemmia
Ti può interessare anche:
Categoria:
Tipologia:
Azienda: AZ. AGR. IL MONGETTO - www.mongetto.it

Nome commerciale: Salsa della Vendemmia
Scheda tecnica: scarica il documento

Si chiama così perché si mangiava tra i filari della vigna nel periodo della vendemmia, accompagnata da acciughe dissalate e una bottiglia di Barbera: la propone Il Mongetto di Vignale Monferrato.

Il sud del Piemonte ha una vocazione particolare ai sapori sfiziosi, alle salsette che accompagnano quasi tutto, basti pensare al bagnet ross, ovvero al papà del ketchup, o alla cugnà, antesignana delle mostardine per accompagnare i formaggi: ci troviamo in un’autentica capitale dell’edonismo gastronomico. Complici di questa vocazione sono, come sempre, la terra e il commercio: a ispirare l’arte culinaria di questa zona è lo stretto contatto con la vicina costa ligure, dove venivano venduti il vino, i formaggi, i salumi e i prodotti agricoli piemontesi e da dove venivano acquistati i prodotti di mare, ovvero pesce conservato, capperi, erbacce mediterranee e via dicendo.
Si parla pure di vie privilegiate del sale sulle cui rotte viaggiavano le acciughe diffondendo nei dintorni una cultura gastronomica legata a questo pesciolino magico per il nostro palato e la nostra salute, ma questa è un’altra storia che merita un lungo racconto. Mettendo insieme le chicche liguri con quelle delle colline del Piemonte, era un gioco da ragazzi “inventar bontà”: la Salsa della vendemmia, dove è sua maestà la nocciola del Piemonte a circondarsi di sapori e profumi di mare (olio extra vergine, tonno, capperi, pomodoro, basilico e via dicendo) è una di queste bontà. Per assaporarla al meglio, possiamo mettere in una terrina di coccio uno strato di acciughe dissalate e uno di salsa, procedendo a strati e ricoprendo il tutto con olio extra vergine di oliva.
La salsa è ottima anche in accompagnamento a patate bollite e uova sode o per preparare gustosi crostini come antipasto.
A proporla non poteva che essere Roberto Santopietro, patron de Il Mongetto e guru della bagna cauda e delle acciughe: Roberto è il pioniere del vasetto di nicchia, lui faceva assaggiare bagna cauda sotto vedro e cugnà ai visitatori italiani e stranieri delle fiere specializzate quando ancora nei ristoranti si affrontava il cliente con la fatidica frase “vino bianco o rosso?”, faceva parte allora giovincello di quella ristretta cerchia di cultori del buon bere e buon mangiare che circondava il compianto Gino Veronelli e che ha dato dignità e professionalità all’offerta gastronomica italiana, che allora era davvero un po’ naif. Gli attuali sproloqui televisivi ci fanno rimpiangere quel circolo di competenti e creativi autentici.

SCHEDA TECNICA

  • Nome: Salsa della vendemmia
  • Ingredienti: pomodori pelati, nocciole tostate, tonno sott’olio, zucchero, olio extra vergine di oliva, aceto, capperi sotto sale, sale, cipolle, basilico, aglio, prezzemolo, pepe, noce moscata.
  • Consigli di degustazione: con le acciughe su crostini di pane caldo, come accompagnamento di uova sode o verdure bollite
  • Conservazione: si conserva in dispensa per 3 anni, dopo l’apertura al fresco (5 C) per qualche giorno
  • Confezioni: vasi da 40 g, 200 g e 1000 g
  • Distribuzione: gastronomie e negozi specializzati, spedizione a domicilio
  • Prezzo al pubblico: 2,10 Euro il vasetto da 35 g, 7 Euro quello da 200 g, 28,50 Euro la confezione da 1 kg. Kit 200 g salsa della vendemmia + 200 g acciughe sott’olio + coccio Euro 20,00

AZ. AGR. IL MONGETTO
Cascina Mongetto, 10 15049 Vignale Monferrato (AL) 
(punto vendita: via Porro 1) 
Tel. 0142 933442 Fax 0142 933469 
info@mongetto.it - www.mongetto.it

Articolo  0 Commenti